Armando-Gill

Armando Gill e il canto degli sfrattati

Si chiamava Michele Testa, ma per tutti era Armando Gill (1877-1945). II cantante compositore piaceva al popolo per le canzoni e gli stornelli che proponeva con l’ormai collaudata «annunciazione»: «Versi diArmando, musica di Gill, cantati da Armando Gill. Fra i suoi successi ricordiamo: «Nun so’ geluso», «Come pioveva», «’O zampugnaro ‘nnammurato», «Bella ca bella sì», «Varca d’ammore», «O sunatore ‘e mandulino», «Palomma». Gill nel 1918, scrisse anche una sorta di «ballata degli sfrattati» intitolata «O’quatto ‘e maggio» Dal canto:«Core,fatte curaggio/sta vita é nu passaggio/facimmmencillo statu quatt’e maggio/che ce penzammo a ffà,’o munno accussì va’/io tenevo na bella casarella/c’a stanza ‘e lietto e ‘a cammera e mangià/na cucina, nu poco e luggetella, vene o padrone e casa/dice a mesata poca-mettimmice a siloca/nun ne parlammo cchiù». Si tratta, come si pub capire dai versi, di un contesto talmente povero che per il trasferimento dei beni (si fa per dire) bastava solo la una «carrettella». La canzone divenne il simbolo di quel giorno in cui Napoli cambiava casa.

Add a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *